Topic outline

  • CNTHI - CENTRO PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER L'HANDICAP E L'INTEGRAZIONE

    Dipartimento di Storia Societa e Studi sull'Uomo

    RECAPITI

    Prof.ssa Stefani PINNELLI
    Università del Salento, Pal. Parlangeli via Stampacchia 45/47 a Lecce (Italia)
    Laboratorio e mediateca Stanza 32b terzo piano Pal. Parlangeli
    Segreteria e centro studio, stanza 25C II piano pal. Parlangeli

    Segreteria Scientifica Terzo Piano Pal.Parlangeli 0832 29 4695

    ATTREZZATURE

    Laboratorio Informatico  Stanza 32b terzo piano Pal. Parlangeli- 
    • 5 postazioni pc fisse
    • 3 portatatili
    • 1 LIM
    • 1 Videoingranditore da Tavolo
    • 1 Termoform
    • 1 Camera proiezione opaco
    • 2 videoproiettori
    • 1 microfono portatile
    • Ausilioteca
    • Materiali software commerciale per l’intervento rieducativo e riabilitativo per persone con svantaggio
    • Sofware didattico educativo
    • Test e screening digitali
    • Lungometraggi didattici 

    LINEE DI RICERCA

    Il CNTHI promuove attività di ricerca, monitoraggio, sviluppo formazione, documentazione e orientamento nel settore dell'handicap e dell'integrazione attraverso l'uso delle nuove tecnologie informatiche e  telematiche e si pone a servizio degli operatori della formazione, delle famiglie e del soggetto disabile.
    Dalla sua istituzione ad oggi il gruppo di lavoro molto ha fatto in termini di ricerca e di formazione, con particolare attenzione ai seguenti settori:  
    • settore scolastico e apprendimenti supportati dalle tecnologie (Conferenze internazionali),
    • persone disabili e tecnologie (Conferenze internazionali),
    • promozione di interventi di formazione e ricerca sui temi dell’accessibilità web e buone prassi per l’integrazione (progetto STAR 2010 e TECNOABILITIAMOCI 2011),
    • promozione di interventi di ricerca-azione e finalizzati alla fruizione turistica on line (Progetto GuidArti),
    • promozione di azioni di ricerca in rete internazionale per lo sviluppo di soluzioni accessibili per la fruizione dei materiali documentari on line (Europeana4All),
    • studio dei fenomeni di rischio legati alla fruizione di internet da parte delle persone svantaggiate (Conferenze internazionali partenariato progetto S EASTIII Adiconsum),
    • studio dei bisogni sviluppo della persona anziana fragile e dei criteri di sviluppo di tecnologie AAL (Progetto Prin 2011)
    Tali attività sono state oggetto di presentazione di numerosi progetti, pubblicazioni internazionali e di finanziamenti di enti locali.
     

     

    Comitato Scientifico
    • Stefania Pinnelli - Università del Salento
    • Filomena De Lumè - Università del Salento
    • Oronzo Greco - Università del Salento
    • Luigi Spedicato - Università del Salento
    • Vincenzo Tondi Della Mura - Università del Salento
    • Pietro  Siciliano CNR- Lecce
    • Flavia Lecciso - Università del Salento
    • Vincenzo Zara - Università del Salento
     
    Comitato tecnico
    • Adriano Marra  
    • Massimo Marra
    • Giuseppina Marselli
     
    Consulenti esterni
    • Andrea Fiorucci
    • Marina De Nunzio
    • Clarissa Sorrentino
    • Elena Torsello 
    • FORMAZIONE

      • Interventi di progettazione, formazione, monitoraggio del personale docente e dirigenziale commissionati da  Istituti scolastici della Regione.
      • Attività di potenziamento educativo e di rieducazione Commissionati da Istituti scolastici per alunni ADHD
      • Corsi di formazione per gruppi scelti di lavoro commissionati da scuole per attività di ricerca azione
      • Corsi di perfezionamento e Master su DSA/BES/ADHD/
      • Corsi di formazione su ausili tiflotecnici 
      • Seminari nazionali e internazionali su tematiche specifiche
      • In programmazione 2016/17
      • Corso di Formazione sul Braille 
      • Dislessia e L2 
      • Accessibily tour 
      • PROGETTI

        Progetto ROBIN – Robotic Interaction System for Visuo-Spatial Data Presentation for Effective Learning- Consuilenza per E Result, a valere sui bandi LIving Lab 2013


        Active ageing at home.  (2014-2016)

        Il Progetto “Active Ageing at Home”, approvato e finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha lo scopo di realizzare servizi finalizzati al miglioramento della qualità della vita della persona anziana, tramite l’impiego di soluzioni ICT fisse e mobili. (In corso)
         
        People with CIDP and Quality of life. (2016)
        Progetto finanziato e finalizzato a rilevare la percezione del sé nel rapporto tra patologia e vita quotidiana, cercando di cogliere l’impatto che la malattia ha sulla qualità della vita rispetto alla dimensioni biologica, psicologica e sociale dell’individuo.(in corso)
         
        Rare Box Finalità del progetto (2017-2018)

        Le malattie rare sono un tema di attualità nel dibattito medico e sociale, diventando oggetto di sempre maggiore attenzione e priorità da considerare sia in programmi di ricerca che nell'attuazione della politica sanitaria

        A livello europeo le raccomandazioni del Consiglio sulle azioni nel settore delle malattie rare, pubblicate nel 2009, hanno riconosciuto l'importanza di sostenere specifiche reti di informazione sulle malattie, l'organizzazione di registri e basi di dati, Accanto alla ricerca clinica si richiede una lettura più globale delle patologie, che la inquadri nella considerazione generale della vita della persona che ne è il portatore, estendendo lo sguardo medico ad uno sguardo biopsicosociale della patologia e, quindi, considerando la qualità della vita in senso generale.

        I progetto RareBox intende andare in questa direzione.

        Si tratta di una piattaforma informatica e telematica user friendly  in cui archiviare, monitorare, gestire e condividere la situazione di salute psicofisica del paziente, consentendo un automonitioraggio e un monitoraggio da parte del medico.

        I progetto finanziato dalla Borsa Regionale sarà finalizzato a definire nella piattaforma RareBox i domini che contribuiscono a sviluppare o inibire la qualità della vita del paziente. , organizzare il sistema di valutazione dell’impatto dello strumento sugli endusers, valutarne l’accessibilità e l’ergonomia dell’interfaccia e soprattutto attivare la valutazione partecipata della “tenuta” del device: attraverso appositi strumenti quanti-qualitativi 


        Progetto Lecturio+ (2017/2019)

        Lecturio + è un progetto finanziato dall’Unione Europea ERASMUS+ Azione Chiave 201 e prevede la collaborazione tra più settori educativi (università, associazionismo, scuola dell’infanzia, scuola primaria, scuole professionali). Il progetto ha le seguenti finalità:
        - promuovere la valorizzazione del repertorio linguistico plurilingue delle varie comunità;
        - avvicinare i bambini in età prescolare alla lettura attraverso l’ascolto di racconti letti;
        - potenziare competenze parziali e di intercomprensione tra lingue romanze;
        - stimolare l’interesse verso il mondo della scrittura degli allievi della scuola primaria;
        - creare opportunità di formazione per giovani degli istituti professionali del settore educativo;
        - creare opportunità di intervento educativo integrato da scuola e famiglia.
        Per raggiungere tali finalità Lecturio+ prevede la realizzazione di alcuni eventi quali:
        - incontri di formazione;
        - elaborazione e sperimentazione di attività didattiche in classe come il Kamishibai e il percorso Sacs h’Histoire.
        I partner finanziati del progetto Lecturio+ sono:
        ·         Association internationale pour la promotion de l'intercompréhension à distance - France
        ·         Lycée le Mas Blanc - France
        ·         Fédération Régionale des Maisons Familiales Rurales de Midi-Pyrénées - France
        ·         UNIVERSITA DEL SALENTO - Italie
        ·         UNIVERSITAT DE BARCELONA - Espagne
        ·         UNIVERSITE DE CORSE PASCAL PAOLI - France
        ·         UNIVERSITAT DES SAARLANDES - Allemagne
        ·         UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE - Italie


        Data System Platform for Smart Communities (2018-2019)

        Il CNTHI è partner del Progetto finanziato nell'ambito dei LivingLag. Esso ha lo scopo di L’idea di progetto si basa su:
         la realizzazione di un sistema di aggregazione e fruizione intelligente di dati (un vero e proprio
        cruscotto direzionale), articolato nei domini applicativi di “Smart City”, “Smart Social” e “Smart
        Building”, che sia in grado di:
        - raccogliere, elaborare, integrare, sintetizzare e rappresentare, anche su base geografica, dati
        eterogenei provenienti da sorgenti differenti (sensoristica, interoperabilità applicativa, app,
        open data ecc.) favorendone la consultazione in un quadro completo ed esaustivo;
        - mettere a disposizione strumenti di estrazione e analisi dei dati e delle informazioni afferenti
        alla Smart Community sia ai fini del monitoraggio del territorio che della valutazione di criticità
        e potenzialità di sviluppo dello stesso.
         l’integrazione di reti di sensori a supporto delle attività di controllo e costante osservazione delle
        aree di interesse e l’implementazione di nuova strumentazione di campo allo scopo di acquisire
        dinamicamente e valutare in tempo reale, su piattaforma WebGis, i dati e le informazioni rilevate;
         lo sviluppo di applicazioni APP Mobile (App “Smart Social” e App “Smart building”) per device mobile
        di ultima generazione per segnalazioni da parte dei fruitori (cittadini - con particolare attenzione ai soggetti fragili - turisti, addetti ai lavori) con invio di notifiche, foto e immagini e ricezione di
        successivi aggiornamenti sullo stato della segnalazione e sull'intervento effettuato